Attenzione alle truffe!

Che brutta esperienza quella di venire truffati… Prima o poi capita a tutti, vuoi perché hai fatto un acquisto e dopo poco, a casa, hai scoperto che non era affatto quello che ti era stato promesso, vuoi perché ti è stato promesso un certo risultato o obiettivo e invece ciò che hai ottenuto non è affatto quanto promesso.

Ho conosciuto un uomo che viaggiando su un mezzo pubblico scoprì che la gentile persona che lo aveva urtato dicendogli “Mi scusi… ci sono scossoni e sobbalzi…” in realtà gli aveva sfilato di tasca il portafoglio. Dovendo riprendere gli stessi mezzi le volte successive, l’uomo pensò di mettere in tasca un vecchio portafoglio contenente un solo foglio con la scritta: “Ladro, questa volta te l’ho fatta io!!” Ma l’ironico sfogo non gli rese però quanto aveva comunque perso. La triste realtà è che nel mondo attuale non mancano i truffatori “professionisti”, quelli cioè che studiano come ingannare gli altri a proprio beneficio; grazie a Dio, non mancano nemmeno persone sincere che si sforzano ogni giorno di evitare di fare del male.

Per quanto sia vero che una truffa economica può causare un gran danno, vi è un tipo di truffa ancor peggiore, quella spirituale. I beni di questo mondo, infatti, hanno una fine, ma il bene più prezioso che ognuno possiede, cioè la vita, la Bibbia dice che è un bene eterno. Essere truffati o derubati della vita è la cosa peggiore che possa mai accadere. Chiunque abbia conosciuto Gesù profondamente, riflettendo sul proprio tempo trascorso senza la Sua guida ed i Suoi consigli, ed esaminando il risultato ottenuto, ha esclamato dentro di sé: “Sono stato truffato!”, chi dai suoi simili, chi da varie umane filosofie e chi, ahimè, dalle sue stesse convinzioni o desideri da soddisfare.

L’aspetto che rialza il cuore di un credente che si riconosce truffato del suo tempo, dei suoi beni passati o della sua salute (lo può dire, per esempio, chi ha abusato alcool o droghe) è che davanti a tali “truffe” egli risulta essere “vaccinato”. L’apostolo Giovanni scriveva a ragione “… Noi sappiamo che chiunque è nato da Dio non pecca; ma colui che nacque da Dio lo preserva, e il maligno non lo tocca” (1 Giovanni 5:18). Il senso della vita per chi si consacra a Dio cambia interamente fino a realizzare che non solo l’inganno del peccato non lo attrae più, ma provoca il ricordo del prezzo che ha dovuto pagare Gesù per tirarcene fuori, insieme al ricordo delle sofferenze passate. Alle “attraenti esche” dell’avversario, la mente, il cuore e l’anima esclamano: “E’ una truffa!

Gesù, nel descrivere alcuni aspetti del diavolo, lo definì “padre della menzogna” e quindi un gran truffatore (Giovanni 8:44). Il suo lavoro non conosce tempi di crisi, i suoi “uffici” trovano sempre persone disposte a firmare ciò che sembra un ottimo contratto ma che alla fine dimostrerà amaramente da se stesso quel che è: una truffa!

Anch’io sono stato truffato, ma ringrazio Dio che Gesù con la luce del Suo Vangelo ha potuto illuminare il percorso della mia vita prima che finisse ogni risorsa, prima che potessi dire che non c’era più niente da fare. Ora so di chi mi posso fidare, so chi non ingannerà mai la mia vita perché un giorno me l’ha donata quando nacqui, ed un altro giorno l’ha salvata, quando morì crocifisso per liberarmi dall’inganno del peccato. Ora so che posso fidarmi di Gesù, come un bambino può fidarsi del suo papà. Ora so che, permettendo alla Bibbia di guidare ogni passo della mia vita, il risultato che avrò sarà il migliore, senza la paura di essere truffato.

Hai tu questo meraviglioso Amico che ti protegge dal male e da te stesso? Sai, uno dei nomi profetici dati a Gesù è proprio “Consigliere ammirabile”; non c’è truffatore che può resistere alla sapienza di Dio. Fidiamoci di Gesù e dei Suoi consigli!

 

2017-08-21T12:01:13+00:00