Il culto cristiano

Il culto cristiano2017-08-21T12:01:07+00:00

Nel giorno chiamato del Sole ci si raduna tutti insieme, abitanti delle città o delle campagne, e si leggono le memorie degli Apostoli o gli scritti dei Profeti, finché il tempo consente. Poi, quando il lettore ha terminato, il preposto con un discorso ci ammonisce ed esorta ad imitare questi buoni esempi. Poi tutti insieme ci alziamo in piedi ed innalziamo preghiere…” (Giustino Martire – I Apologia 67)

Sin dai primi giorni della sua esistenza, la Chiesa di Cristo ha avvertito la necessità di riunirsi per condividere gli argomenti della propria fede e adorare il Signore. L’esperienza della Chiesa primitiva era tanto forte da spingere i credenti a incontrarsi ogni volta fosse loro possibile. L’amore di Cristo trovava la sua maggiore espressione nella comunione fraterna. I momenti di aggregazione erano numerosi e tutti con lo scopo di parlare delle cose del Regno ed esaltare l’Iddio creatore.

Le esortazioni degli scrittori sacri a non abbandonare la comunione con i santi, a ricercare la compagnia della Chiesa e il suo bene sono chiare: la salute spirituale del singolo cristiano dipende molto dal suo attaccamento alla Chiesa. La frequenza alle riunioni è un’opportunità di crescita oltre ad essere una responsabilità del credente nei confronti di Dio e dei suoi fratelli.

Il culto pubblico a Dio fu praticato dai primi credenti e mantiene, nelle modalità delle nostre comunità, una struttura sufficientemente fedele al modello primitivo. Nel culto cristiano i fedeli elevano a Dio la propria adorazione, pregano insieme, condividono le meraviglie compiute dal Signore nella vita personale e ricevono l’insegnamento della Parola di Dio.